SORGE IL BELLO - Festa di Primavera 2017

 

Ascolta e scarica l'audio dell'incontro


21 MARZO, GIORNATA NAZIONALE DELLA MEMORIA E DELL'IMPEGNO
IN RICORDO DELLE VITTIME DELLE MAFIE


 

«L'istituzione del 21 marzo come "Giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie" è per Libera motivo di soddisfazione. 
Sin dall'inizio - da quel 21 marzo 1996 che si svolse a Roma e poi, nel corso di 21 anni, in ogni Regione e città d'Italia - Libera ha creduto nell'importanza di una memoria condivisa, viva, che ricordasse tutte le vittime nella loro pari dignità, a prescindere dai ruoli svolti e dalla notorietà avuta in vita. Così come ha creduto che quella dignità andasse estesa non solo alle vittime delle mafie, ma a chiunque avesse perso la vita per forme di violenza, di terrorismo, di criminalità. 
Quest'importante obbiettivo impone però adesso uno scatto nell'attuare quelle direttive che, anche a livello europeo, garantiscono norme minime in materia di diritti, assistenza e protezione delle vittime e dei loro famigliari.
Così come comporta un investimento sul piano educativo e culturale affinché si moltiplichino quelle iniziative e quei percorsi che fanno del 21 marzo non una semplice ricorrenza, ma la tappa di un quotidiano  impegno per la giustizia, per la verità, per il bene comune. Quelle persone non sono morte per essere ricordate con lapidi, targhe e discorsi di occasione. Ma per un sogno di democrazia che sta a tutti noi realizzare».

Luigi Ciotti e Libera

Notti di Beatitudine - Tempo di Pasqua



Incontro con Giovanni Bachelet


Festa d'Inverno - Essere Umani


approfondisci

25 gennaio - Notti di Beatitudine - Incontro con Mario Calabresi


NESSUNO TOCCHI CAINO - Festa d'Autunno 2016




L'audio dell'incontro

approfondisci


L'ottavo giorno, un nuovo anno di fraternità

L'ottovo giorno non è un tempo, ed è tuttavia "il tempo" sempre tacitamente presente, necessario a vivere il senso di un frangente che è vita, la più fonda, la più vera. Parallelo al silenzio, contiene tutto l'ineffabile, ma insieme avvolge ogni parola, la sua anima, ogni evento, ogni passaggio. L'ottavo giorno è l'inizio e la fine, la consumazione, la trasfigurazione, l'origine, la bellezza e l'incanto, le radici e le ali, la pienezza e il vuoto che la fa risaltare. Eternità. Umano soffrire e Divino rifiorire.

"Il giorno dopo, Dio tornò a guardare la sua Creazione. C'era qualche ritocco da fare. C'erano dei bei sassi sui greti dei fiumi, grigi, verdi e picchiettati. Ma sotto terra i sassi erano schiacciati e mortificati. Dio sfiorò quei sassi profondi ed ecco si formarono diamanti e smeraldi e milioni di gemme scintillanti laggiù nelle profondità.

Il Signore vide i fiori, uno più bello dell'altro. Mancava qualcosa, pensò, e posò su di essi un soffio leggero: ed ecco, i fiori si vestirono di profumo.
Un uccellino grigio e triste gli volò sulla mano. Dio gli fischiettò qualcosa.
E l'usignolo incominciò a cantare di notte.
E disse qualcosa al cielo e il cielo arrossì di piacere. Nacque così il tramonto.
Ma che cosa mai avrà bisbigliato il Signore all'orecchio dell'uomo, perchè egli sia uomo?
Gli bisbigliò, in quell'ottavo giorno, in quell'alba remota, tre piccole parole:
"Ti voglio bene".

E' questo per la nostra Fraternità il giorno ottavo. Il giorno dell'Amore Risorto, dell'Inaspettato, del Desiderato, dell'Alterità, della Follia e della Vastità. Il giorno dove Gesù bisbiglia a chiunque passi in questo porto di terra:
"Non aver più paura. Sorgi. Sorgi con me". Segno della nuova creazione per tutti noi: un Sepolcro vuoto, aperto, una crepa di luce possibile nel buio della morte. E' l'anno della gioia incontenibile, del varcare i confini, dell'andare oltre i muri e le barriere, di Sperare contro ogni speranza, di contagiare d'allegria le ombre di solitudine e di slegare ognuno dai legacci della mediocrità. Proveremo ad aver più coraggio per osare passi nuovi, oltre la rassegnazione, oltre l'ovvio, oltre le delusioni, oltre le aridità, vince la Luce e la Vita oltre il confine.


Carta di responsabilità e d'impegno

Sacerdoti, religiosi, religiose che da anni chi in modo più coinvolgente chi indirettamente si impegnano con Libera sui vari territori del Paese. Sono parroci, animatori di comunità di accoglienza per poveri ed emarginati, religiosi e religiose che quotidianamente lavorano a contatto con i giovani e in quelle che Papa Francesco definirebbe le "periferie esistenziali".
E proprio l'incontro con il Papa durante la giornata della memoria e dell'impegno di qualche anno fa a Roma è come se avesse confermato la bontà e la necessità di incontrarsi. Un'occasione per pregare insieme, confrontarsi, capire meglio i propri limiti ma anche incoraggiarsi reciprocamente sul lavoro da fare. E così quest'anno dopo essere stati insieme nel monastero San Magno di Fondi hanno redatto una vera e propria Carta di impegni evangelici, alla quale ora chiunque - sacerdoti, religiosi/e, Vescovi, laici - potrà aderire.

Carta di responsabilità e d'impegno

Sacerdoti e religiosi, Carta di Fondi,
leggi l'editoriale di Antonio Maria Mira su Avvenire | 9 settembre 2016

Se vuoi aderire e sottoscrivere la carta scrivi a
cartafondi@libera.it





 

Il nuovo accade

28 - 29 - 30 Aprile

     
 

La Parola e il Creato

28 - 29 Aprile

     
 

Gruppo Betania

Venerdì 5 Maggio
ore 20

     
 

Per la vita che verrà

5 - 6 - 7 Maggio

     
 

Un oceano di silenzio

Martedì 9 Maggio
ore 19,30

     
 

Iconografia

Sabato 13 e 27 Maggio
ore 10

     
 

Gruppo Nain

Domenica 14 Maggio
ore 10


     
 

Giorni Giovani

20 e 21 Maggio
ore 9

     
 

Notti di Beatitudine

25 Maggio
ore 21

     
 

Incontro Volontari

30 Maggio
ore 20,30

     
 

 

 


Giovedì 11 Maggio - ore 21
Santuario Santa Maria in Piazza
Fondi

Mercoledì 31 Maggio - ore 20,30
Parrocchia S. Erasmo
Formia

 

Gli Incredibili
in concerto

Martedì 13 Giugno 2017
Parrocchia Sant'Emidio di Bojano
in occasione della festività di
Sant'Antonio


 

file scaricabili per restare con noi


 
 
@monasterosmagno
   
Podcast - I nostri incontri
da ascoltare e scaricare

 

 

Fuga dalla complessità
Luigi Alici

 
 
Nome e Cognome:
Email:
La raccolta ed il trattamento dei dati personali saranno effettuati solo per l'iscrizione alla newsletter ed in accordo con l’art. 13 D.Lgs 196/2003. Nessuna informazione personale sarà pubblicata in alcuna circostanza o trasferita in nessun modo e sarà cancellata non appena non sarà necessaria.
 

 

 

 






Fraternità Monastero San Magno
Via Valle Vigne - 04022 Fondi (Lt)